martedì 21 febbraio 2012

Gita a Dogliani

Trovo che le colline intorno a Barolo, abbiano un enorme fascino anche in inverno. A me basta , solo passarci davanti per sentirmi bene. Destinazione della mia gita era Dogliani, subito dopo Barolo e Monforte. lungo la strada abbiamo incontrato il gota delle aziende baroliste Ma noi andavamo da Marziano, un signore molto simpatico e sincero, uno cresciuto sui campi a seguire le vigne. Dei numerosi riconoscimenti pare non importagliene, ma poi aggiunge : benvengano, mi fan finire il vino... Ho assaggiato il famoso dolcetto di Dogliani, dedicato al padre "Papà Celso", la barbera, il barolo e il barbaresco 2001 Il cinerino, un viogner in purezza, bevuto in 2 annate, il 2010 e il 1995, il primo anno di produzione del vino. Il viogner è sicuramente un bianco longevo !! IL barolo 2006, il tanto osannato 95/100 per wine spectator, non era niente se paragonato al 2001... forse ancora troppo bambino
Gli abbinamenti seguiti dalla simpatica moglie, erano veri piatti della cucina casalinga piemontese, i plin, i peperoni con la bagna cauda, eccezionale il cappone ruspante, del loro cortile. Che dire è stata una bella giornata, nonostante la neve ... è importante vedere dove si fa il vino, e parlare con chi fa il vino, il vero vino

Nessun commento:

Posta un commento