lunedì 13 agosto 2012

Costa di Giulia

Quando apri una bottiglia, che non ti aspetti così buona, è difficile separarsene. Questo bianco toscano, di Michele Satta, del 2006 é così.
Vermentino per il 65%, e Sauvignon per il 35%, dimostra una longevità inaspettata, considerando che il Costa di Giulia fa solo acciaio. Non è il suo supertuscan bianco (Giovin Re), ma il bianco più semplice. L'evoluzione lo premia donandogli una freschezza e una PAI molto accentuata. I profumi sono intensi e vari, prevalgono i sentori minerali. Non scordiamoci che siamo a Bolgheri, poco lontano dal mare. Col tempo escono altri sentori, la frutta, in prevalenza esotica, e qualche agrume, con una nota dolce, direi il cedro. Sinceramente, dopo 6 anni dalla vendemmia, e conservandolo sullo scaffale e non in cantina, non mi sarei mai aspettata di trovarlo così buono e fresco. Un buon abbinamento con un coniglio dissossato e ripieno di funghi e salvia. Un'ultima nota: una persistenza lunghissima, un vino a cui l'età ha decisamente giovato